Home » Associazioni » La voce delle Associazioni » Diabete tipo 1: sabato a Catania AGD Sicilia fa il punto su device e soluzioni innovative
 
Diabete tipo 1: sabato a Catania AGD Sicilia fa il punto su device e soluzioni innovative PDF Stampa E-mail
Mercoledì 23 Novembre 2016 20:09

L’iniziativa si terrà sabato 26 a partire dalle ore 10.15, presso l’International Airport Hotel di Catania

 

CATANIA-23 novembre 2016 Verrà presentata sabato mattina a Catania, in anteprima nazionale, la versione in italiano, dell’applicazione “X-drip plus” un progetto open source per il monitoraggio a distanza ed in tempo reale dei valori di glucosio (controllo metabolico) dei pazienti con diabete 1.  Da qualche anno si sfruttano device esistenti e certificati, estendendone la funzionalità grazie ai codici scritti da alcuni genitori. Ci sarà Alessandro Vignolini, un “papà artigiano” che ha sfruttato le opportunità offerte dalle tecnologia e, nello spirito dei progetti open source,  da pochi giorni ha finito la traduzione in italiano dell’applicazione in modo da renderne più semplice l’utilizzo a tutti . È questo uno dei contributi concreti che il convegno organizzato sabato mattina da Agd Sicilia “Il diabete sulla nuvola” vuole fornire alle tante famiglie che ogni giorno convivono con le apprensioni di una patologia che colpisce soprattutto bambini e adolescenti.

L’appuntamento ospitato dall’International Airport Hotel di Catania (via S. Giuseppe la Rena, 94) a partire dalle 10.15 “vuol rappresentare – dice il presidente di Agd Sicilia, Fabio Badalà - il punto della situazione sulle innovazioni tecnologiche che possono migliorare la qualità di vita dei piccoli pazienti con diabete di tipo 1. Affinché tutte le famiglie, sotto lo stretto controllo dei medici, possano accedere alle migliori soluzioni”.

Al centro dell’incontro i device, i microinfusori, i sensori e gli altri dispositivi usati dalle famiglie. Il convegno sarà arricchito dai contributi di medici e specialisti.  Donatella Lo Presti (dirigente medico della Clinica Pediatrica A.O.U. “Policlinico Vittorio Emanuele”) interverrà sul tema “Gestione del diabete tipo 1 nel bambino: il 'burn out' delle famiglie” mentre Fortunato Lombardo (responsabile del Centro di Diabetologia Pediatrica del Policlinico Universitario di Messina) relazionerà in materia di “Tecnologia applicata al diabete: cosa ci offre l'oggi, cosa dobbiamo aspettarci dal domani”.

Tecnologie e diabete sono al centro dei contributi che concluderanno la mattinata. Alle 11.30 l’attesa relazione di Alessandro Vignolini “Geppetto per amore. Xdrip, LimiTTer” mentre a seguire Fabrizio Castellato e Katiuscia Nosella pionieri del sistema Nightscout in Italia parleranno di “Nighscout e la risorsa dei progetti open source”.  
Dopo la pausa pranzo il convegno proseguirà con la master class “Dalla teoria alla pratica, la parola ai genitori”, la chiusura dei lavori è prevista per le 17.

 

**************************

Scheda a cura di Agd Sicilia

Il diabete di tipo 1, il cosiddetto diabete giovanile, è una malattia di carattere autoimmune contro la quale non può essere effettuata alcuna prevenzione se non quella di riconoscere in tempo l’esordio della malattia per evitare la chetoacidosi grave.

Fondamentale è quindi il confronto e la diffusione della conoscenza. Questo è quello che si propone dal ’94, fin dalla sua istituzione, l'AGD Sicilia, perché sono ancora tanti i pregiudizi che scaturiscono dall'ignoranza di questa condizione di vita. Il diabete di tipo 1 é una patologia che coinvolge tutta la famiglia.

Un bambino con diabete di tipo1 fa al giorno almeno 4 punture di insulina e circa 5/8 controlli di glicemia. Il controllo metabolico e il corretto stile di vita rappresentano l’unica arma per evitare le complicanze. Gli studi ci dicono che curare sin da subito bene il diabete riduce il pericolo complicanze del 60%.