Home » Esperienze » Il diabete.... da un'altra prospettiva » Cosa devo fare per farmi riconoscere la 104?
 
Cosa devo fare per farmi riconoscere la 104? PDF Stampa E-mail
Sabato 05 Settembre 2009 16:30

Caro Portale Diabete,
vorrei chiedere come fa un malato ripetutamente offeso ogni qualvolta si presenta davanti alle varie commissioni per invalidità e 104 a difendersi!!!

 

Sono stata alla visita per l'aggravamento della 104 martedì scorso. L'ho chiesto soprattutto per la retinopatia proliferante che va avanti inesorabile. Sono in mutua da un mese perchè per via dell'emorragia alla retina, dopo massimo un'ora di computer mi prende un male alla testa e agli occhi da morire!!!

Be', mi hanno aggredita, mi hanno chiesto con tono di sfida cosa pensavo di ottenere ripresentadomi dopo solo 6 mesi dall'ultima visita, mi hanno detto che io potrei inventarmelo che non vedo da un occhio (nonostante la documentazione), che io potrei inventarmi che due volte al mese per via degli esami e degli occhi vado in ospedale, che potrei inventarmelo che 25 anni di diabete mi hanno lasciato gli organi bersaglio della malattia fortemente danneggiati. Che io potrei essere più sana di loro e fare finta!!!

Io lì per lì sono stata zitta, poi mi sono messa ad urlare a tal punto che è entrato un medico da fuori a vedere che succedeva!!!

 

Ho chiesto a 'ste 4 megere ossigenate (scusatemi...) se uno per avere riconosciuti i propri diritti (un paio d'ore al giorno per le visite e per riposare gli occhi e tutto il resto) deve andare là con l'attestazione in cui si dichiara che ha 6 mesi di vita!!!

Ho chiesto se secondo loro una donna che da quando aveva 13 anni si è ammalata di diabete, insufficienza renale, epilessia, retinopatia diabetica proliferante, che per colpa della malattia ha perso per sempre la possibilità di diventare madre, che ha subito il trapianto di 2 organi e che ha rischiato di rimanere sotto ai ferri e che della sua vita ha più ricordi di ospedale che di cinema, di discoteca e di svago, se secondo loro ha voglia di presentarsi davanti ad una commissione medica con 40 gradi fuori, arrancando con la pressione 80/50, dopo aver fatto un'ora e un quarto di attesa nonostante fosse la prima della lista delle visite di quel giorno solo per raccontare delle musse (cioè balle in genovese)!!!

La loro risposta è stata che sono tutte belle parole ma che non hanno nessun FOGLIO SCRITTO che prova queste cose!!!!! Ma che se gli faccio avere questa relazione "forse" la 104 me la ridaranno!!!
IO NON CI STO!!! È un'ingiustizia allucinante, non è per le due ore è che NON SI POSSONO PERMETTERE DI TRATTARE UN MALATO COSI'.

E quella era la stessa commissione che a febbraio mi ha trattata come un cane alla stessa maniera.

Io vorrei chiedere se esiste una tutela per questi soprusi allucinanti che credo, per una persona meno "scafata" di me che in quasi 30 anni di carriera da ammalata ne ha viste e subite di ogni, potrebbero anche avere degli effetti allucinanti a livello emotivo.

Scusatemi, ogni volta che mi scontro con 'sti delinquenti poi vi faccio una capa così, ma se non mi capite voi... chi mi capisce???

grazie

Mari (Genova)