Home » Esperienze » Il diabete.... da un'altra prospettiva » Sono Diabete, Diabete tipo 1
 
Sono Diabete, Diabete tipo 1 PDF Stampa E-mail
Giovedì 14 Novembre 2013 03:58

Ciao a tutti!

sono Diabete, Diabete Tipo1… 
sono uno molto ricercato anche se con il mio continuar a girovagare tra un’isola di Langerhans e l’altra è difficile beccarmi…
Amo la compagnia di molta gente e per questo cerco sempre nuovi amici con cui condividere le giornate che poi diventano mesi e il più delle volte anni…

Prediligo le persone giovani e i bambini, non perché sono un depravato, ma perché io odio la solitudine e solo così posso star certo che la compagnia sarà una compagnia di lunga durata.Convivere con me non è sempre facile perché lo so benissimo che sono uno poco coerente, tanto mi fa lasciar tutto tranquillo e vivere una serena convivenza, che buttar all’aria giorni se non mesi di lavoro e collaborazione che a volte han comportato anche delle serie rinunce per chi convive con me.Dico convivere anche se in realtà son io che senza alcun preavviso mi presento e prendo posto – lo ammetto – fregandomene se sono ben accetto o meno in quel momento; ma questo lo faccio perché sono consapevole che se chiedessi permesso nessuno mi vorrebbe tra i piedi e quindi – visto che l’ho capito da me – io quando decido, arrivo!

I miei compagni di viaggio spesso sono condizionati dalla mia presenza e tendono a modificare il loro stile di vita lasciandomi decidere liberamente; sono quelli che prediligo perché io faccio alto e basso come mi garba e devo dir la verità mi diverto anche nel vederli arrancar
pur di starmi dietro con quella loro stupida speranza che prima o poi io mi stufi. Non hanno ancora capito che così facendo fanno solo il mio gioco che io appunto trovo davvero piacevole. Però sempre più spesso, soprattutto in questi ultimi anni, mi è capitato di trovare compagni un po’ troppo “sapienti” in materia che mi danno filo da torcere.

Se io voglio fare il ganzo e volar alto, questi le studiano tutte pur di farmi abbassare le arie; se io voglio fare il depresso e buttarmi giù, trovano subito il sistema per tirarmi su… insomma, direi che questo tipo di convivenza è la più impegnativa e a lungo andare è quella più
stancante per me perché mi accorgo che sono loro che dettano le regole e sono io quello che le deve seguire, anche se qualche volta mi riesce comunque di far di testa mia; ma quello che mi preoccupa di più di questi tipi è che così facendo non mi permettono di arrivare ad
aver intorno le mie pupe chiamate volgarmente “complicanze”. Eh si, oggi giorno con tutte le informazioni e la nuova tecnologia, scarseggiano… difficile imbattersi in una bellissima retinopatia da farti strabuzzar gli occhi, o in una sensuale nefropatia da non farti sentir più le
gambe…non parliamo poi quanto sia difficile imbattersi con quel matto di piede diabetico…

Si insomma come avrete capito ho in giro tanti tipi diversi di persone e anche se continuo a chiamarli “amici”, in realtà io di loro mi servo!
Detto questo son approdato qui perché, anche se in un modo o nell’altro mi avete incrociato sulla vostra strada, non ho mai avuto modo di farmi conoscere per quello che sono veramente.
Ho una lunga storia alle spalle, ma come tutti temo per il mio futuro…
Ho tante persone intorno, ma nessuno mi vuole veramente accanto…
So di sbagliare in quel che faccio, ma la mia indole mi porta a farlo comunque…
Ho una sola e vera speranza che chi mi sta cercando un giorno mi trovi e mi capisca in modo da porre fine a questo mio vivere che dipende solo dagli altri… ma intanto me la godo, girovagando di qua e di là, libero di poter decidere quando e dove fermarmi alla faccia di chi deve per forza ospitarmi!

Vi siete quasi commossi eh? ma che ce posso fa’, io son fatto così, coerente solo nella mia incoerenza!!!

 

Mr D

 

 

di Sabrina Moser