Home » Esperienze » Il diabete.... da un'altra prospettiva » Un angelo con il camice mi ha salvato
 
Un angelo con il camice mi ha salvato PDF Stampa E-mail
Lunedì 04 Settembre 2017 15:22

Correva l'anno 1998... io, giá diabetica da 17 anni, decisi di fregarmene di tutto e di tutti... e fare di testa mia... pur di arrivare al mio 18esimo... più MAGRA!!!
Decisi allora di affidarmi ad una nutrizionista che mi facesse perdere peso nel minor tempo possibile...
Facile: elimina i carboidrati Vale!!!! Lo feci, e per tre mesi mangiavo 60 gr di pasta solo la domenica!!! Risultato???? I miei kg di troppo erano ancora lì... ma il mio organismo si stava ribellando... Ed io non gli davo ascolto!!!!
Mi resi conto che la mia stitichezza era arrivata al limite... ma non detti importanza a questo particolare!!!


Poi, una mattina, iniziata come le altre... mi preparai per andare a scuola: mi sentivo stanca, tachicardia, affanno e... un grande dolore al fianco destro!!!!
La glicemia sempre 180 (per niente alta per una come me che VIAGGIAVA da anni sempre sui 300)... in serata, da quello che mi raccontano, chiamano l'ambulanza, mi portano in clinica, dove prestava servizio il diabetologo che all'epoca mi seguiva e dopo tanti esami la sua diagnosi fu: INFARTO!!! IO ORMAI ERO IN COMA CHETONICO!!!
Mia mamma non si arrende e mi porta in ospedale... sgombrano il pronto soccorso ed un ANGELO che stava smontando decide di rimettersi il camice e seguire il mio STRANO CASO!!! Essendo chirurgo si accorge subito che il mio stomaco aveva subito una sorta d'infarto... non digerivo da giorni, si era dilatato e aveva compresso i polmoni, che di conseguenza affaticavano il cuore: ecco l'affanno e la tachicardia a cosa erano dovuti....!!!
L' ANGELO decide così di farmi una lavanda gastrica e non so cos'altro... NON VI DICO QUELLO CHE È USCITO DAL MIO STOMACO!!!!
I valori rientrano, io mi risveglio dopo 2gg ma non ero ancora fuori pericolo... L'ANGELO veniva sempre in camera a chiedermi se avessi defecato... ovvio, era preoccupato per il mio intestino!!! Ma... tutto ok: il terzo giorno....evaquai!!!!
Cavolo, fu un chirurgo a salvarmi... il mio diabetologo d'allora non capí un tubo e si scusó col mio Angelo...
MA IN RELTÂ SONO IO CHE DOVREI CHIEDERE SCUSA, IN PRIMIS ALLA MIA FAMIGLIA per aver fatto passare loro dei giorni infernali!!!
OCCHIO GENTE, CON LE DIETE FERREE E I CARBOIDRATI... NON SI SCHERZA!!!

 

 

 

 

di Valentina Friuli