Home » Esperienze » Il diabete.... da un'altra prospettiva » Diabete con fattore "C": come "coerenza" e ... non solo!
 
Diabete con fattore "C": come "coerenza" e ... non solo! PDF Stampa E-mail
Lunedì 06 Marzo 2006 15:02

...era il 1967 quando.... le analisi della mia urina risultarono positive al glucosio, ma le glicemie erano normali, quindi si diagnosticò una bassa soglia renale, dato che il glucosio nei reni passa normalmente se la glicemia supera i 180 mg. In gravidanza anche prima ma non era il mio caso ovviamente.
Avevo 3 anni.
In breve la cura fu: dieta con pochi legumi, in pratica non potevo mangiarli, pochissimo pane e assolutamente niente di dolce. Spessissimo dovevo fare il prelievo del sangue (in laboratorio) ed ogni giorno i test delle urine per rilevare la presenza di glucosio. (gli orari erano come quelli di adesso per gli stick)

Così dopo alcune visite mio padre e mia madre mi portarono da un medico di un ospedale universitario di Genova, per fare una visita laggiù, perché non stavo meglio nonostante la dieta ferrea che mi avevano ordinato.
Era normale pensare che una bambina non aumentasse di peso con quel tipo di vita, non credete? A quei tempi forse no.  Oltre questo c'erano anche le molte infezioni alle vie respiratorie, dato l'indebolimento che la malattia mi procurava ed i pochissimi carboidrati (energie) che indebolivano ulteriormente.

Il medico dal quale andai si arrabbiò e non poco!!! Rimase esterrefatto che dopo quasi un anno di glucosio nelle urine ancora nessuno mi avesse prescritto l'insulina!!! Ed onestamente torna difficile anche a me crederlo, al giorno d'oggi le medicine si danno più in fretta, a volte a ragione a volte no. Miracoloso fu, che mi lasciò libertà nella dieta!!!

Ebbene sì era il 1968 e quel “santo” medico, mi disse che potevo mangiare la pasta il pane le patate ed i legumi e tutte quelle cose che prima potevo solo assaggiare...perfino qualche dolcetto con l'aumento di dosaggio di insulina, incredibile per me!!!!

Questo punto della storia fu davvero innovativo, e quando crescendo ho capito che adesso è per tutti uguale, ho pensato che era davvero orribile avere terapie tanto diverse da una regione all'altra.....lasciare per un anno una bambina di 3 anni senza insulina ma solo con la dieta, mi fa venire i brividi, anche adesso ci credete???

Ecco che allora ho dedotto che nel mio caso, come per fortuna in quello di altri, il fattore "C" ha avuto la sua bella parte . E di questo ne sono molto felice!!!

Quindi, sarà stato per l'ignoranza in materia di diabete infantile, sarà stato per la fortuna, oppure per la mia predisposizione genetica, o perché è così che deve essere…ho avuto un'adolescenza normalissima, e se ho avuto dei problemi, diciamo così, "psicologici", sono dipesi da tutt'altro, purtroppo…perché l'incontrollabile velocità e spesso le atrocità degli eventi della vita sono molto, ma molto peggio del diabete, anche quello complicato…non me ne voglia chi la pensa diversamente sono solo esperienze personali…dimenticavo, ai “miei tempi” non esisteva uno psicologo ospedaliero neanche a pagarlo oro, ed eventualmente cercarlo da privati era VERGOGNA!!!!!

All'età di 17 anni ho deciso che avrei dovuto vivere...sì perché fino ad allora dovevo stare sempre a casa, perché l'insulina doveva farla mio padre...so che è stato un po' tardi, ma forse è stato meglio così.
Quindi senza "istruzioni per l'uso" ho preso in mano la mia vita ho dato gli esami di maturità e poi  sono andata in giro per tutta l'italia, facendo un lavoro da favola...ballavo in un corpo di ballo/coro, in giro nelle discoteche e negli spettacoli musicali. :-)
Non vi dico gli orari che ho "subito" perché quando devi essere in scena alle 22.00 non puoi andare a cenare con tranquillità dato che per essere pronti per lo spettacolo serve tempo e lo stomaco più vuoto possibile, visto che poi ballavamo e cantavamo per due ore!!!!!
Ho fatto l'insulina perfino nel portabagagli di un'automobile..ovviamente un portabagagli accessibile e con i sedili, :-) ma comunque ho fatto sempre di tutto di più senza che per questo il diabete mi fermasse, MAI!

Dopo tanti anni poi sono passata ad una vita normale, tradizionale con la mia famiglia i miei due meravigliosi figli ed un marito sempre presente e felice di esserci!

Dato che la mia è una storia particolare per quanto normale, amo le parole di una canzone..dove in piccola parte mi ritrovo:
"..sposto le nuvole, tolgo le virgole, cambio le regole così....
..io che tradisco la metrica io vado oltre ogni logica...."

Adesso mi scopro a 41 anni ad essere consapevole di come gestirmi, oltretutto con l'approvazione della mia diabetologa che non guasta.
Sono sempre stata coerente, non ho mai esagerato nell'alimentazione ed ho sempre fatto moltissimo movimento!!!

Una cosa importante che non scrivo mai perché non ne ho l'occasione, è che fino al 2001 ogni due o tre anni andavo a Cisanello (Pisa) per controllare le glicemie, vedere se andavano bene le unità di insulina la glicata ecc ecc, per me la routine prima era a ritmo annuale, però non per i controlli giornalieri, che personalmente faccio dal 1991 con il glucometro e prima dal 1988, solo con gli stick a scala colorimetrica. Prima di quei tempi niente controlli giornalieri solo attenzione alle sensazioni di sete o di fame o di debolezza, erano più che sufficienti.

Probabilmente ho anticipato il precipitare di un diabete poco aggressivo perché da un certo punto in poi l'ho preso a cuore, e l'ho tenuto al guinzaglio  …chissà.

 

 

Alessandra, Li

 

marzo 2006