Home » Esperti » FAQ - Trapianti, ricerca, complicanze » Posso curarmi definitivamente?
 
Posso curarmi definitivamente? PDF Stampa E-mail
Scritto da Ugo Boggi   
Venerdì 31 Luglio 2009 17:51

D:

Buongiorno Prof.Boggi,

mi chiamo E., sono veneta, ho 20 anni e da 12 malata di dibete. Per il momento non ho complicanze dovute al diabete, ma questa malattia ha rovinato la mia infanzia e la mia adolescenza, con despressioni varie, tentati suicidi e bulimia.

Vorrei solo sapere da Lei, per favore, se ci sono cure/trapianti o qualsiasi altra cosa concreta, in modo da poter guarire definitivamente. In Italia ci sono centri che riescono con un trapianto ottenere buoni risultati in modo definitivo?
All'estero la situazione è migliore? non avrei problemi ad uscire dall'Italia pur di mettere fine a questa croce che è il diabete.

La ringrazio di cuore

E.

 

R:


Cara Sig.ra E.,
l'unica terapia ad oggi disponibile che sia in grado di darLe una possibilità di "guarire" dal diabete tipo 1 è un trapianto.
La probabilità di diventare insulino-indipendenete è (molto) concreta con un trapianto d'organo (pancreas) e molto meno con uno di cellule (isole). Ugualmente il fatto di rimanere insulino-indipendenti a lungo termine è più concreta con il trapianto di pancreas rispetto a quello di isole.

Avrà notato, però, che la parola guarire è tra virgolette perchè, anche se il trapianto ha successo, il mantenimto della funzione a lungo termine non è certa (quindi non vi è modo, attualmente, di guarire certamente e stabilmente dal diabete tipo 1) e dipende comunque dall'assunzione di una terapia antirigetto (pillole) a tempo indeterminato.

Se Lei è interessata a capire di più delle possibilità e dei limiti dei trapianti nei pazienti diabetici penso che la cosa migliore da fare sia ricevere in modo diretto (cioè di persona) le molte informazioni che sono necessarie e poi prendersi un periodo di tempo per riflettere. Non le suggerisco di girare su troppi siti internet (dove chiunque, anche le persone non troppo qualificate, possono scrivere) ma piuttosto di riflettere sulle informazioni che riceverà e confrontarsi con quanti hanno già avuto un trapianto e che quindi hanno avuto in comune con lei la malattia ed il desiderio di guarire.

Se lo ritiene opportuno potrà fissare un appuntamento con la nostra equipe (050996731) ( Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. ) che sarà disponibile ad informarla e a metterla in conatto con le persone che hanno già "curato" il diabete con un trapianto.


Saluti


Ugo Boggi