Home » Esperti » FAQ - Trapianti, ricerca, complicanze » Cellule del cordone ombelicale
 
Cellule del cordone ombelicale PDF Stampa E-mail
Scritto da Federico Bertuzzi   
Domenica 04 Luglio 2010 11:34

D:
egregi dottori
ho una figlia di 17anni con il diabete tipo uno, vorrei sapere se io provo ad avere un altro figlio è possibile con le mie cellule guarire lei in qualche modo?
confido in una risposta perchè ho 38 anni e non vorrei passasse altro tempo e non fosse più possibile aiutarla .
aspetto una risposta certa.

grazie a tutti

 

R:
ad oggi non c'è ragione scientifica per fare questo.
Le cellule del cordone ombelicale di una eventuale figlia/o non andrebbero bene per il fratello: sono infatti di un individuo diverso.
Inoltre ad oggi i dati scientifici sull'utilizzo di cellule del cordone ombelicale autologo (l'uso delle cellule del cordone per il paziente stesso da cui provengono, che le ha conservate cioè in appropriate banche) non hanno dimostrato un importante effetto nella cura del diabete di tipo 1.
Tra diversi anni potrebbero partire protocolli che utilizzano cellule staminali provenienti dal tessuto adiposo del paziente stesso, ma ancora questi sono idee per il futuro e non progetti clinici.
In questo momento non deve fare altro che controllare al meglio le glicemie: la cura arriverà, ma non c'è ancora.
Resto a disposizione per ulteriori chiarimenti  

 

dott. Federico Bertuzzi
S.S.D. Diabetologia Ospedale Niguarda Cà Granda
piazza Ospedale Maggiore, 3 20162 Milano