Home » Esperti » FAQ - Questioni legali » Invalidità e collocamento obbligatorio
 
Invalidità e collocamento obbligatorio PDF Stampa E-mail
Scritto da Maria Antonietta Mura   
Mercoledì 27 Gennaio 2010 15:56

D:
Gentilissima dottoressa le scrivo per avere una delucidazione da Lei.
Navigando su Internet ho scoperto che una patologia di cui soffro, oltre al diabete, mi avvarrebbe di un 41% di invalidità. (la malattia è la Sindrome di Turner) Dal momento che il mio diabete è parecchio scompensato, dovrebbe in teoria rientrare secondo le tabelle in una classe III e portare quindi un 50-60% di invalidità, le 2 invalidità potrebbero venir sommate per darmi una collocazione privilegiata nel mondo del lavoro?

La ringrazio anticipatamente per la sua disponibilità e porgo distinti saluti  

S. B.

 

R: 
Gentile S.,
le patologie si possono sommare secondo un calcolo riduzionistico mediante la seguente formula espressa in decimali: IT = IP1 + IP2 – (IP1 × IP2) dove l’invalidità totale finale IT è uguale alla somma delle invalidità parziali IP1, IP2, diminuita del loro prodotto.
Ad esempio, se la prima menomazione (IP1) è valutata con il 20% e la seconda (IP2) con il 15%, il risultato finale (IT) sarà (0,20 + 0,15) – (0,20 × 0,15) = 0,32 e quindi 32%.
Tenga presente che con solo 46 punti di invalidità è possibile l'Iscrizione al Collocamento Obbligatorio.

Spero di esserle stata utile e che la mia indicazione sia soddisfacente.

Cordiali saluti

Avv. Maria Antonietta Mura