Home » Esperti » FAQ - Questioni legali » INPS e diabete
 
INPS e diabete PDF Stampa E-mail
Scritto da Umberto Pantanella   
Lunedì 18 Gennaio 2016 09:38

D:


Sto seguendo la discussione su facebook, quindi mi sono permessa di contattarla.

Buonasera Umberto, mia figlia 16 anni D1 dal 2009, percepisce indennità di frequenza.

Al compimento del 18° anno non è previsto niente? Non ho mai fatto richiesta di 104 perchè lei è molto autosufficiente ed io ho un datore di lavoro che non mi crea problemi.

Come muoversi anche per un futuro lavoro.

La ringrazio per la risposta

saluti

A F

 

R:

Gentile A.

la prestazione a sostegno del minore, quale è appunto l'indennità di frequenza, cessa al compimento della maggiore età. Tuttavia a partire dal 25 giugno 2014 i minori titolari di indennità di frequenza possono, entro i 6 mesi precedenti il raggiungimento della maggiore età,

presentare domanda all'INPS (Decreto legge 90/2014) per il riconoscimento delle prestazioni economiche spettanti ai maggiorenni, cioè la pensione di inabilità, o in caso di parziale invalidità al lavoro, l'assegno ordinario di invalidità.

Ovviamente, deve essere accertato uno stato di gravità, che non mi pare essere il caso di sua figlia, in quanto l’istituto procede a liquidare in via provvisoria al compimento del 18° anno la prestazione, ma sempre previa conferma all’esito del successivo accertamento sanitario e

previa presentazione del modello AP70 per la verifica dei requisiti socio-economici previsti dalla legge.

Per quanto attiene la legge 104/1992, Lei potrà sempre fare domanda, nel caso in cui dovesse cambiare lavoro.

Spero di esserLe stato utile e La saluto.

 

 

Avv. Umberto Pantanella