Home » Esperti » FAQ - Terapia e cura » Temperatura di conservazione dell'insulina
 
Temperatura di conservazione dell'insulina PDF Stampa E-mail
Scritto da Geremia Bolli   
Venerdì 27 Febbraio 2009 20:00

D: Esimio Professore,

sulla confezione della Lantus Optiset è scritto che la siringa in uso non va conservata in frigo e non deve essere conservata a temperature superiori a 25°.
Con le temperature di questi ultimi giorni (32 gradi in casa) come bisogna regolarsi?
E' opportuno conservarla in frigo, magari in contenitori che non facciano abbassare troppo la temperatura?
Se l'insulina è stata in ambienti con temperature come quelle descritte si può utilizzarlo o bisogna buttarla?
Le sarei grato se potesse darmi dei chiarimenti.

Distinti saluti
N.

 

R: Optiset è una penna di insulina e la sua conservazione risponde alle regole per l'insulina, tutte le insuline.
Il consiglio è essere pratici. Il flacone (o cartuccia o penna Optiset) di uso va tenuto a temperatura ambiente, possibilmente in un cassetto (meglio se in un "fondo") ma anche nella casa che si abita dove la temperatura in genere non supera i 30° C.
Le confezioni di riserva vanno in frigo, nella parte MENO fredda, idealmente a temperatura cantina (14-16° C), conviene mettere il frigo al minimo freddo (posizione "1") e l'insulina in un cassetto verdura.
Il troppo freddo fa male, il gelo rovina definitivamente l'insulina più del caldo.
In Africa dove mancano frigoriferi l'insulina viene conservata in vasi di terracotta 20-50 cm sottoterra e tutto va bene.

In conclusione: non c'è paura del caldo per l'insulina una volta prese delle semplici precauzioni, non c'è bisogno di contenitore termico nè di altro!

buon lavoro e cari saluti



 

Prof. Geremia B. Bolli
Department of Internal Medicine, Endocrinology
and Metabolism
University of Perugia