Home » Esperti » FAQ - Terapia e cura » Perche' vado in ipo se uso Lantus?
 
Perche' vado in ipo se uso Lantus? PDF Stampa E-mail
Scritto da Geremia Bolli   
Venerdì 27 Febbraio 2009 20:09

D: Egregio Professore, è da circa un anno che uso la LANTUS, che, da quanto ho appreso dai vari forum, non dovrebbe provocare crisi ipoglicemica.

Uso iniettarmi 16 UI di Lantus la sera, prima di andare a dormire e 13 UI di Humulin R a pranzo e 6 UI di Humulin R a sera, prima di cena.
L'ultimo controllo mi ha dato, come valore della Emoglobina glicata, 6,9 (valore ottimale) ma ho avuto la brutta esperienza di una forte crisi ipoglicemica nel pomeriggio dell'altro giorno. Sentivo leggeri sintomi di ipo ed ho mangiato due caramelle. Pensavo di aver risolto il problema, ma più tardi i sintomi sono diventati più forti (inciaspicamento) ed al controllo effettuato è risultata una glicemia di 41. Subito ho preso dello zucchero (molto) sciolto in acqua e la glicemia è salita a 93. Ho ridotto il dosaggio della cena a 5 UI rimanendo invariato il dosaggio della Lantus. Avendo rilevato, però, che la mattina, a digiuno, era solo 60 ho deciso di diminuire il dosaggio della Lantus a 14 UI. 

Quello che mi ha lasciato sconcertato è stato il fatto che la crisi ipoglicemica è iniziata dopo circa 4 ore dall'assunzione del dosaggio prepadiale. 
A cosa devo attribuire questa anormalità?
Prima ero molto soggetto  alle crisi ipo perchè utilizzavo una miscela di rapida e ritardante, ma con l'uso della Lantus pensavo che fossero solo un ricordo.

Attendo una Sua risposta e, se si rifanno quei forum che mi sono stati di grande utilità, sarei disponibile a parteciparvi ed a portare il mio conributo, visto che sono diabetico da 33 anni.                          Distinti saluti


 

R: se ho capito bene usi lantus e poi ai pasti Humulin R. 

Se è così, la colpa è di Humulin R che va sostituita con HUMALOG o NOVORAPID. 

Humulin R ha una coda troppo lunga e dà tipicamente ipo fra 4-6 ore dall'iniezione. 

Cambia subito e fammi sapere auguri

 

 

 


Prof. Geremia B. Bolli
Department of Internal Medicine, Endocrinology
and Metabolism
University of Perugia