Home » Esperti » FAQ - Terapia e cura » Diabete ballerino
 
Diabete ballerino PDF Stampa E-mail
Scritto da Geremia Bolli   
Venerdì 27 Febbraio 2009 20:34

D: Buona sera,  mio padre di anni 74, dopo essere andato in pensione (aveva un negozio di generi alimentari) da circa 2 anni ha avuto un notevole calo di peso.
La glicemia che da sempre è stata nei limiti massimi da circa un anno a questa parte ha iniziato ad essere veramente "ballerina"....
il medico che lo segue gli ha consigliato di controllarla tutti i giorni senza però mai dare alcuna cura. alcune mattine i suoi valori sono quasi normali (90- 100-110...) prima di pranzo ha dei picchi molto alti (anche 280!) e magari nel pomeriggio, prima del pasto serale il valore si riabbassa anche rientranddo nei limiti.
la sua alimentazione è abbastanza controllata, ma nonostante ciò la sua salute non ne ha trovato miglioramento.
in 15 giorni ha perso ancora 1kg e 1/2. Fisicamente non è mai stato un uomo in sovrappeso ma adesso mi fa veramente spavento per la sua magrezza. ha sempre avuto molto appetito ma in questo periodo mangia con disgusto ed è inappetente.
Il medico che lo ha "seguito" gli ha detto che dipende solo dalla sua alimentazione e che il problema dovrebbe rientrare.
La situazione non è assolutamente cambiata... la notte si alza per fare pipi di media 5/6 volte...  Sono totalmente incompetente in materia, ma credo che una cura per riportare i valori nella norma esista. Penso che l'inappetenza, il dimagrimento, urinare di frequente sia dovuto a questa glicemia cosi "ballerina".
Sono la figlia e sono molto preoccupata... può per cortesia darmi consigli e comunicarmi un centro dove potermi appoggiare per farlo seguire?

La ringrazio anticipatamente.

N F 



 

R: cara Sig.ra F,

forse tutto dipende da un diabete scompensato. 
Misuri per qualche giorno la glicemia a digiuno e 2 ore dopo pranzo e cena, questo confermerà l'idea che suo padre ha bisogno di una adeguata terapia insulinica.

Vedo che Lei è di Arezzo, se vuole può venire a Perugia, intanto per una visita ambulatoriale e, se necessario, per un ricovero. 

Un caro saluto

 


Prof. Geremia B. Bolli
Department of Internal Medicine, Endocrinology
and Metabolism
University of Perugia