Home » Esperti » FAQ - Terapia e cura » Diabete scompensato e viaggi
 
Diabete scompensato e viaggi PDF Stampa E-mail
Scritto da Geremia Bolli   
Venerdì 27 Febbraio 2009 21:05

D: Ho il diabete mellito da circa 20 anni che curo con un'attenta dieta e con le pillole Glibonet 5, ma purtroppo la media della mia glicemia è 210. Ho oltre 79 anni e pur frequentando un Centro Diabetico non ho miglioramenti. Negli ultimi tempi sono soggetto a apatia, stanchezza e sonnolenza continua.

Per scommettere con me stesso, mi sono organizzato con un Tour Operator un Viaggio in Perù, come ho fatto pure l'anno scorso, per vincere la mia pigrizia sedentaria.
Ho fatto bene?
Datemi un consiglio e suggeritemi cosa fare per migliorare questa dipendenza.

Grazie e saluti.



 

R: caro sig. M

non conosco bene il suo caso, ma da quel poco che leggo, credo che molto dei suoi sintomi sia secondari ad un diabete scompensato e non curato. 
Dopo 20 anni il suo "glibomet" non funziona, Lei lo dovrebbe interrompere e sotto controllo medico diabetologico inziare insulina basale (lantus, oppure detemir) a dosi crescenti per avere la glicemia al mattino fra 100 e 120. 
E' un'iniezione al dì alle ore 20, dopo 6 mesi si vedrà se aggiungere anche insulina rapida ai pasti. 
In questo modo Lei aumenta di peso, riprende forza, energia, ottimismo e capirà fra qualche mese quanto grandi sono i benefici della terapia insulinica che per Lei è urgente.  Mi faccia sapere come va. cari saluti

PS: il mio consiglio è non fare un lungo viaggio senza prima aver compensato il diabete

 


Prof. Geremia B. Bolli
Department of Internal Medicine, Endocrinology
and Metabolism
University of Perugia