Home » Esperti » FAQ - Terapia e cura » TrialNet
 
TrialNet PDF Stampa E-mail
Scritto da Alberto Davalli   
Martedì 28 Luglio 2009 15:37

D: A mio figlio che ha 15 anni è stato riscontrato il diabete di tipo 1 il giorno 1/10/2006 e il giorno 2/10/2006 ha iniziato la terapia insulinica.

Io e mio marito ci siamo recati al San Raffaele di Milano dove ci è stato proposto il TRIALNET con l'uso del rituximab che è ancora in fase sperimentale.

I tempi per prendere una decisione sono minimi e siamo assaliti da mille dubbi.

Desidererei sapere se negli Stati Uniti si sono già ottenuti dei riscontri con questa terapia.

Noi siamo disposti a recarci negli Stati Uniti, lei che cosa ci consiglia?

Ringraziandola in anticipo voglia gradire i nostri più cordiali saluti

C. T.


R:TRIALNET è uno studio multicentrico internazionale. Rituximab è ancora in fase di sperimentazione anche negli USA, non si hanno ancora certezze circa la sua efficacia.

La decisione se intraprendere oppure no una sperimentazione clinica deve essere presa con serenità da parte vostra (genitori) leggendo attentamente i documenti (consenso informato, etc.) che gli sperimentatori del San Raffaele vi hanno consegnato e valutando bene insieme a loro i rischi ed i benefici, anche in considerazione della personalità di suo figlio.
A 15 anni, peraltro, anche lui può dire la sua.

Il consiglio generale è comunque sempre quello di stare sereni perchè con le terapie a disposizione oggi il diabete di tipo 1 è una patologia che non deve spaventare.


Cordiali Saluti.

 


Dott. Alberto M. Davalli
Diabetologo - Endocrinologo
Istituto San Raffaele
Milano