Home » Esperti » FAQ - Terapia e cura » Neodiagnosi di tipo 2
 
Neodiagnosi di tipo 2 PDF Stampa E-mail
Scritto da Alberto Davalli   
Martedì 28 Luglio 2009 19:35

D: Gent.mo Dottore,

circa un mese fa mi è stato diagnosticato il diabete di tipo II. Il tutto in seguito ad una cura cortisonica ed antibiotica..

Adesso assumo poche unita' di insulina (3ui a colazione;4 ai pasti e 4 ui di lantus la sera). I valori glicemici sono abbastanza soddisfacenti.

Siccome sono magra, anzi le diro' di piu,  nel corso della cura ho perso sei chili…volevo chiederle: l'uso del fieno greco , che aiuta a prendere perso, è utile in questo caso?

Per la cura del diabete di tipo II…. che novità ci sono? Leggo che fanno passi da gigante solo nel tipo I.

Inoltre è possibile, fare una visita da lei?

Quali esami dovrei fare?

Ringraziandola anticipatamente porgo cordiali saluti

G.




 

R: Ci sono alcuni esami da fare per capire se deve effettivamente fare insulina oppure no.  Tra questi il dosaggio del C-peptide plasmatico, e la ricerca degli anticorpi anti-GAD ed anti-IA2.  Poi, per capire il grado di controllo del diabete bisogna fare ogni 3-4 mesi l'emoglobina glicosilata ed una glicemia a digiuno e 2 ore dopo il pasto. 
Inoltre è molto utile il controllo glicemico a casa prima e 2 ore dopo i pasti. 
La microalbuminuria ed il colesterolo tolae, HDL, LDLe trigliceridi ogni anno. 
Ogni anno una visita oculistica.
Il fieno greco ha una azione insulino-sensibilizzante e quindi va molto bene.

Cordiali saluti,

PS: Per la visita può chiamare il CUP del San Raffaele 02.26432020

 


Dott. Alberto M. Davalli
Diabetologo - Endocrinologo
Istituto Scientifico H San Raffaele
Milano