Home » Esperti » FAQ - Terapia e cura » Insulinoresistenza
 
Insulinoresistenza PDF Stampa E-mail
Scritto da Alberto Davalli   
Martedì 28 Luglio 2009 19:40

D: gentile dottore vorrei avere un chiarimento se possibile: mio marito da un pò di tempo ha notato di avere la glicemia alta al mattino, per alta intendo 140 -177- 130 a volte anche 80 -70 prevalentemente al risveglio, ha 59 anni prende la pillola per l'ipertensione pesa 98 kg, ora si è messo un pò a dieta, ma ancora non perde peso, pensa che perdendo peso anche la glicemia possa tornare a posto?
e mi potrebbe spiegare perchè è prevalentemente alta al mattino a digiuno?

cosa ci consiglia di fare?

grazie sig. S.


 

R: Il tipo di diabete di suo marito è caratterizzato dalla "insulino-resistenza".  In altre parole, a causa del sovrappeso, l'insulina non riesce a svolgere i propri compiti. 
Uno di questi è quello di tenere a freno la produzione di glucosio da parte del fegato.  Quindi, in condizioni di insulino-resistenza, il fegato produce troppo glucosio e questo si manifesta prevalentemete al mattino quando sono più elevati gli ormoni "anti-insulari" che, al contrario dell'insulina, hanno una azione di stimolazione della produzione epatica di glucosio. 
A parte la dieta e l'esercizio fisico aerobico (camminate, cyclette, jogging, etc.) consiglio di assumere un farmaco insulino-sensibilizzante come la metformina.

Cordialità

 


Dott. Alberto M. Davalli
Diabetologo - Endocrinologo
Istituto Scientifico H San Raffaele
Milano