Home » Esperti » FAQ - Terapia e cura » Dubbi di un neodiagnosticato
 
Dubbi di un neodiagnosticato PDF Stampa E-mail
Scritto da Alberto Davalli   
Martedì 28 Luglio 2009 19:45

D: Gentilissimo Dott. Davalli,

leggo sempre le sue interessanti risposte.

Oggi ne ho letto una in cui dice a una ragazza che il "problema è dovuto ad una eccessiva introspezione dovuta alla recente diagnosi"... credo di capire cosa vuole dire ... anch'io di recentissima diagnosi mi accorgo di ascoltare molto il mio corpo e talvolta forse si può finire per enfatizzare disturbi di scarsa entità ... detto questo ho ancora un paio di domande.

1) Perchè nelle glicemie post-pasto consigliate dai diabetologici (siti, libri, ecc) c'è sempre un minimo di 110-120? Io spesso sono sotto questo limite. Lo posso considerare positivo visto che non ho ipo facendo sempre spuntini a 2.5/3 ore dai pasti? o sarebbe meglio per qualche motivo fosse più alta?

2) Come mi consiglia di comportarmi se volessi bere qualche birra fuori dai pasti? Dopo cena o al pomeriggio? Purtroppo per noi diabetici non ci sono tante alternative nei bar perchè quasi tutte le bevande o sono zuccherate o sono alcooliche...

3) I miei spuntini sono di solito
h10.30 1 mela(o altro frutto) e 1/2 pacchetto crackers integrali                                            
h16.30 1 mela(o altro frutto) e 1/2 pacchetto crackers integrali                                            
prima di coricarmi: in funzione della glicemia (di solito 1/2 frutto)    
Vanno bene o creano picchi pericolosi considerato che al pasto successivo la glicemia è corretta?

info sulla mia situazione: 25 anni
diagnosi Marzo2007
Humalog pre-pasto
Humalog NPL h22.30

La ringrazio tanto.

Il vostro servizio è di grande aiuto!!

L.


 

R: Le sue glicemie post-prandiali sono perfette. 
E' già considerato buono avere delle glicemie 2 ore dopo i pasti < a 140 mg/dl.  Per cui, se non ha ipoglicemie, i suoi valori sono veraemnte ottimi. 
Più ci sia avvicina alle glicemie normali e meglio è, questo però aumenta il rischio delle ipoglicemie. 
Se non ci sono ipoglicemie avere delle glicemie quasi normali prima e dopo i pasti è indice di crontrollo metabolico perfetto e bisogna cercare di proseguire in tale modo. 
Se vuole bere della birra ai pasti deve solo aumentare la dose di insulina Humalog prepasto (la birra è ricca in carboidrati). 
Se beve una birra (ad esempio la classica "media") fuori dai pasti, considerando che ci deve mangiare qualcosa insieme (qialche patatina o salatini,..) è bene che si faccia una iniezione in più di humalog (le unità dipendono da cosa ci mangia dietro consideri che in 500 grammi di birra chiara ci sono circa 17 grammi di carboidrati e quindi servono almeno 2 unità solo per la birra; le birre scure tipo guinness possono essere molto più ricche; si diverta a fare le prove!). 
Infatti dopo 2.5 ore dall'iniezione la humalog non è più attiva e quindi se si inietta humalog alle 17-18 per una birra etc non rischia che sia accumuli con la humalog che si inietta prima di cena (magari ritardandola di una mezz'ora). 
Se la birra la beve dopo cena vale lo stesso discorso (meglio farsi un pò di humalog in più) se però sono passate meno di 2 ore dalla cena stia un poco più sul basso che sull'alto.

Spero di essere stato chiaro.

 


Dott. Alberto M. Davalli
Diabetologo - Endocrinologo
Istituto Scientifico H San Raffaele