Home » Esperti » FAQ - Terapia e cura » Diabete scompensato e montagna
 
Diabete scompensato e montagna PDF Stampa E-mail
Scritto da Alberto Davalli   
Sabato 18 Luglio 2009 17:41

D:

Salve sono c. e ho il diabete da circa 20 anni. Non mi dilungo sui limiti
che mi sono data in questi anni precludendomi tante cose, ma ora ho deciso di andare in montagna, Il paesino si trova sotto i 2000 mt e non so se scierò in quanto non ho preparazione fisica. Porto il micro e ho sempre una emogl. 9 anche ora che devo partire. posso?
ho avuto di recente un rialzo della press. ma tra i 145 / 88- 90, e miroemorragie agli occhi non trattate.
Senza esercitare un grosso sforzo fisico, mi chiedevo posso salire in montagna come dicevo entro i 2000 mt?

vi ringrazio c

 

R:


Gent.le C,

mi spiace ma in questo momento la montagna non è il posto giusto per lei.  Il diabete è molto scompensato e non è raccomandabile iniziare una attività fisica di un certo impegno specialmente ad una certa altitudine senza una preparazione adeguata.  Anche la pressione non è ben controllata e, cosa ancora più importante, la presenza di microemorragie retiniche sconsiglia l’alta montagna dove la diminuzione della pressione di ossigeno potrebbe esercitare un effetto negativo sui vasi retinici.

Le consiglio di posticipare il periodo montano fino a quando non avrà risolto le diverse problematiche.  Se proprio non potesse rinunciarvi le consiglio di non superare la quota di 1800 metri e di evitare gli sforzi fisici.

Cordiali Saluti,

Alberto Davalli


Diabetologo - Endocrinologo
Istituto Scientifico H San Raffaele
Milano