Home » Esperti » FAQ - Terapia e cura » Perchè non tutti fanno le stesse quantità di insulina?
 
Perchè non tutti fanno le stesse quantità di insulina? PDF Stampa E-mail
Scritto da Alberto Davalli   
Domenica 19 Luglio 2009 08:45

D:

Ho 30 anni, ho il diabete da un anno, esordito all'improvviso, portandomi subito ad utilizzare l'insulina, diagnosi diabete autoimmune..

Faccio tre iniezioni di Humalog prima dei pasti  3u, 4u 4u, e 4u di lantus alla sera. Ho chiesto al mio diabetologo che vorrei utilizzare il microinfusore, però mi ha detto che potrebbe non essere possibile perche faccio dosi molto basse, soprattutto di lantus (basale). E vero? 
Poi mi chiedevo come mai persone che fanno l'insulina e quindi hanno in comune il fatto che il pancreas non ne produce, fanno però quantitativi di insulina diverse, da cosa dipende questa diversità?

vi ringrazio

R:

Il fatto che lei abbia un fabbisogno insulinico basso non esclude la possibilità di utilizzare un microinfusore.  Tuttavia, se le cose vanno bene con lo schema a 4 iniezioni come da lei riferito, non c’è una reale indicazione all’utilizzo del microinfusore.

Il fatto che il fabbisogno insulinico possa variare anche di molto da un paziente ad un altro dipende dal fatto che può esistere una massa residua di cellule insulino-secernenti che può variare da un soggetto ad un altro.  Inoltre, ognuno ha una propria sensibilità all’insulina.  Quindi, chi ha ancora una discreta massa beta cellulare residua ed è molto sensibile all’insulina ha solitamente bisogno di pochissime unità di insulina esogena. 

Cordiali Saluti,

A. Davalli

Diabetologo - Endocrinologo
Istituto Scientifico H San Raffaele
Milano