Home » Esperti » FAQ - Gravidanza, pediatria, micro » Gestione di un neodiagnosticato
 
Gestione di un neodiagnosticato PDF Stampa E-mail
Scritto da Matteo Viscardi   
Lunedì 19 Novembre 2012 06:56

D: llustrissimo Dottore,

sono la mamma di un bambino di otto anni  affetto da DM1 da circa 4 mesi.
Tra le difficoltà che sto incontrando nella gestione del bambino c'è quella delle iperglicemie, in special modo la notte, con la paura di poter provocare un IPO non faccio mai una punturina extra preferendo aspettare il mattino per regolarmi con la dose della colazione.
Quello che le volevo chiedere è: da quale valore glicemico intervenire con una puntura extra? E quante unità fare? 
Le faccio presente che al momento mio figlio fa la seguente terapia : colazione 3u Humulin R- pranzo 6u di R + 3u di I - cena 2 u di R - bed -Time 4u di I.Ultima glicata 7,6.

In attesa di una Sua risposta Le porgo cordiali saluti

B.  G.

 

R:   Cara signora, 
soprattutto i primi mesi dopo l'esordio possono caratterizzarsi per una  variabilita' glicemica legata ad una ancora possibile funzione residua pancreatica attiva.
Innanzitutto rivedrei lo schema terapeutico con il suo diabetologo per evitare le iperglicemie e quindi non trovarsi poi a dover sempre correggere. 
Come dico sempre il trattamento del diabete va personalizzato, proprio come ritagliare un vestito su un individuo; comunque direi che in generale per iperglicemie superiori a 250-300 mg% possa valere la pena fare un bolo di correzione, ricordando se possibile, soprattutto quando i valori persistono elevati di controllare anche acetone e glucosio nelle urine.
Attualmente i nuovi analoghi rapidi dell'insulina (novorapid, humalog) agevolano la correzione delle iper grazie alla loro rapidita' di azione rispetto ad actrapid o humulin R. 
Comunque in generale, esiste un fattore di sensibilita' insulinica detto anche fattore di correzione, che fornisce una stima di quanto cala la glicemia in mg/dl, dopo la somministrazione di 1 unita' di insulina rapida.
Nel caso di rapida regolare come la humulin R, il fattore di sensibilita' insulinica si calcola cosi':
- 1500 diviso la dose totale di insulina giornaliera (lenta+rapida) = quanto cala la glicemia in mg/dl, dopo la somministrazione di 1 unita' di insulina rapida regolare.

Anche nel suo caso, come sempre, la invito a prendre queste mie come informazioni generali, ma ne parli prima di applicarle con il suo diabetologo.

Sempre a disposizione

dr Matteo Viscardi