Home » Diabete tipo 1 » Complicanze » Possibile legame tra ipoglicemia, malattie cardiovascolari e mortalità
 
Possibile legame tra ipoglicemia, malattie cardiovascolari e mortalità PDF Stampa E-mail
Giovedì 22 Settembre 2016 07:36

I pazienti con diabete di tipo 1 che hanno avuto gravi eventi ipoglicemici nel corso dell'anno precedente potrebbero avere un rischio aumentato di morte o di malattia cardiovascolare rispetto ai pazienti che non li hanno avuti. A suggerirlo sono i risultati di uno studio di coorte pubblicato di recente su Diabetes Care.

"Anche se i pazienti affetti da diabete di tipo 1 possono avere più spesso episodi ipoglicemici rispetto a quelli con diabete di tipo 2, pochi studi finora avevano valutato se l'ipoglicemia potesse aumentare anche il rischio di malattia cardiovascolare o di decesso nei pazienti con diabete di tipo 1" scrivono gli autori, guidati da Chin-Li Lu, della National Cheng Kung University di Taiwan.

Per colmare questa lacuna, i ricercatori hanno condotto due studi caso-controllo separati utilizzando una coorte di 10.411 pazienti di Taiwan affetti da diabete di tipo 1, al fine di determinare gli effetti dell’ipoglicemia sul rischio di mortalità per tutte le cause e di malattie cardiovascolari.

Nell’analisi sono stati inclusi i dati di 564 pazienti deceduti, individuati nel registro dei decessi di Taiwan, abbinati a 1615 pazienti di controllo individuati nel National Health Insurance Research Database. Inoltre, sono stati identificati i pazienti che erano andati incontro a un evento cardiovascolare importante (743) e quelli che non lo avevano avuto (1439 controlli). 

L’ipoglicemia grave è stata definita utilizzando i criteri della American Diabetes Association, come ogni episodio ipoglicemico tale da richiedere l'assistenza di un'altra persona.

Nei pazienti che avevano avuto gravi episodi ipoglicemici nel corso dell'anno precedente i ricercatori hanno calcolato una probabilità 2,74 volte maggiore di decesso per una qualsiasi causa (OR 2,74; IC al 95% 1,96-3,85) e 2,02 volte maggiore di sviluppare malattie cardiovascolari (OR 2,02; IC al 95% 1,35-3,01) rispetto a quelli che non ne avevano avuti.

Anche gli episodi ipoglicemici verificatisi nei 3 anni precedenti o nei 3-5 anni precedenti sono risultati associati a una maggiore mortalità per una qualsiasi causa (rispettivamente OR 1,94 con IC al 95% 1,39-2,71 e OR 1,68, con IC al 95% 1,15-2,44).

Nei pazienti morti, i ricercatori hanno identificato tre cause principali di decesso: il 44,8% erano morti di diabete, il 16,4% di tumore e il 12,4% di una malattia circolatoria. I soggetti deceduti vivevano in misura maggiore in zone rurali e avevano premi assicurativi basati sul reddito più bassi.

"I pazienti e medici dovrebbero gestire in modo opportuno il diabete di tipo 1 per prevenire l'insorgenza dell’ipoglicemia grave e dovrebbero essere avvisati dei possibili rischi di decesso per una causa qualsiasi e del rischio di sviluppare una malattia cardiovascolare l'anno dopo aver avuto gravi episodi ipoglicemici" concludono Lu e i colleghi.

C.L. Lu, et al. A Population-Based Study of All-Cause Mortality and Cardiovascular Disease in Association With Prior History of Hypoglycemia Among Patients With Type 1 Diabetes. Diabetes Care. 2016; doi:10.2337/dc15-2418.


leggi

 

 

 

 

 

da PHARMASTAR