Home » Diabete tipo 2 » Terapia e cura » Boehringer-Lilly, via libera FDA ad antidiabete "2 in 1"
 
Boehringer-Lilly, via libera FDA ad antidiabete "2 in 1" PDF Stampa E-mail
Venerdì 03 Febbraio 2012 11:33

Boehringer Ingelheim ed Eli Lilly annunciano che la Fda ha approvato linagliptin/metformina cloridrato, un nuovo farmaco che associa l'inibitore della dipeptidilpeptidasi-4 (Dpp-4) linagliptin e metformina. 
Con un'unica compressa da assumersi due volte al giorno, linagliptin/metformina cloridrato offre una nuova opzione terapeutica a pazienti adulti affetti da diabete di tipo 2 che necessitano di un migliore controllo glicemico.
Linagliptin (5 mg in monosomministrazione giornaliera) compresse viene commercializzato con il marchio Tradjenta (linagliptin) negli Stati Uniti, con il marchio Trajenta in Europa e Canada, e con il marchio Trazenta in Giappone, così come in altri mercati.
Linagliptin/metformina Hci è un farmaco da prescrizione che può essere assunto da adulti con diabete di tipo 2 per i quali sia indicato un trattamento con linagliptin e metformina per migliorare il controllo glicemico in associazione a dieta e attività fisica. Al dosaggio massimo linagliptin/metformina ha dimostrato di ottenere riduzioni dell'emoglobina glicata rispetto al placebo sino a 1,7% (+0,1% nel placebo e -1,6% linagliptin/metformina Hci). 
L'emoglobina glicata viene misurata nei pazienti con diabete come indicatore del controllo glicemico nei 2-3 mesi precedenti.
Linagliptin/metformina Hci non ha determinato alcuna variazione significativa del peso corporeo e può essere assunto da solo o in associazione a una sulfanilurea, comunemente prescritto nel diabete di tipo 2.
"A causa della natura complessa del diabete di tipo 2 - ha commentato Lance Sloan del Texas Institute for Kidney and Endocrine Disorders - la maggior parte dei malati ha necessità di assumere più farmaci per ridurre la glicemia.
L'approvazione di linagliptin/metformina Hci è un fatto molto positivo, perché unisce due ipoglicemizzanti in un'unica compressa".

di Barbara Di Chiara

 

da ADNKronos Salute