Home » Diabete tipo 2 » Terapia e cura » Boehringer-Lilly, via libera Chmp ad anti-diabete '2-in-1'
 
Boehringer-Lilly, via libera Chmp ad anti-diabete '2-in-1' PDF Stampa E-mail
Mercoledì 30 Maggio 2012 06:42

Boehringer Ingelheim ed Eli Lilly and Company hanno annunciato di aver ricevuto dalla Commissione per i medicinali per uso umano (Chmp) dell'Ema parere positivo all'approvazione della terapia d'associazione in unica compressa, dell'inibitore della dipeptidilpeptidasi-4 (DPP-4) linagliptin e metformina.
Se approvato dalla Commissione europea, linagliptin/metformina cloridrato in unica compressa da assumersi due volte al giorno, offrirà una nuova opzione terapeutica per pazienti adulti affetti da diabete di tipo 2, che necessitano di migliorare il proprio controllo glicemico.
Linagliptin/metformina HCl - ricorda una nota - ha dimostrato negli studi clinici i propri benefici offrendo un'ulteriore opzione con un efficace controllo glicemico e un profilo favorevole in termini di tollerabilità.
Il Chmp ha raccomandato l'approvazione di linagliptin/ metformina cloridrato HCl da assumersi, in aggiunta a dieta e esercizio fisico, per migliorare il controllo glicemico in adulti con diabete di tipo 2 che nonriescono a ottenere un adeguato controllo glicemico con il dosaggio massimo tollerato di metformina in monoterapia, o in pazienti già in trattamento con la combinazione di linagliptin e metformina.
"Il parere positivo del Chmp su linagliptin/metformina cloridrato (HCl) - ha dichiarato Klaus Dugi, Corporate Senior Vice President Medicine di Boehringer Ingelheim - costituisce un altro importante traguardo regolatorio per l'alleanza mondiale fra Boehringer Ingelheim e Eli Lilly and Company in diabetologia.
In tutta Europa molte persone affette da diabete di tipo 2 devono assumere più farmaci per gestire in modo adeguato il diabete. Crediamo che, con la formulazione in unica compressa, linagliptin/metformina cloridrato (HCl) aiuterà i pazienti con diabete di Tipo 2 a raggiungere e mantenere il controllo glicemico e migliorare, di conseguenza, il loro benessere complessivo".

 

di Barbara Di Chiara

 

da ADNKronos Salute