Home » Diabete tipo 2 » Terapia e cura » Studio ORIGIN-ECHO: insulina glargine sicura per il cuore
 
Studio ORIGIN-ECHO: insulina glargine sicura per il cuore PDF Stampa E-mail
Venerdì 16 Gennaio 2015 07:30

Nel sottostudio ecocardiografico dello studio ORIGIN (ECHO-ORIGIN), presentato all’ultimo congresso dell'American Heart Association (AHA), il trattamento con insulina glargine non ha mostrato effetti avversi sulla massa o sulla funzione ventricolare sinistra durante 3 anni di follow-up in pazienti disglicemici ad alto rischio cardiovascolare 

Lo studio ecocardiografico dello studio ORIGIN (Outcome Reduction With an Initial Glargine Intervention), il più ampio studio finora pubblicato sugli effetti dell’insulina esogena sulla massa ventricolare sinistra e sulla funzione sistolica e diastolica del ventricolo sinistro, fornisce nuove evidenze rassicuranti sul fatto che insulina glargine è un farmaco sicuro dal punto di vista cardiaco, ha detto Michelle Haroun, del Population Health Research Institute della McMaster University di Hamilton, in Ontario, presentando i dati al congresso dell’AHA.

"Il messaggio chiave è che non abbiamo trovato alcun segnale di sorta suggestivo del fatto che l'insulina esponga i pazienti a un aumento del rischio. Pensiamo che questo risultato sia importante. Anche se è necessario seguire i pazienti per un tempo molto lungo per rilevare cambiamenti nello scompenso cardiaco, pensiamo che se l'insulina fosse stata dannosa, nell’arco di 3 anni saremmo stati in grado di rilevare variazioni sottili di endpoint come la massa ventricolare sinistra" ha affermato la Haroun.

Il sottostudio ORIGIN-ECHO ha coinvolto 564 pazienti disglicemici ad alto rischio cardiovascolare, assegnati in modo casuale al trattamento con insulina glargine o alla terapia standard. Tutti sono stati sottoposti a ecocardiogrammi al basale e dopo 3 anni di terapia.

Per poter essere arruolati nello studio, i partecipanti dovevano avere un’alterata glicemia a digiuno, un’alterata tolleranza al glucosio o un diabete di tipo 2 in fase iniziale gestito con non più di un ipoglicemizzante orale al basale. Inoltre, erano tutti ad alto rischio cardiovascolare: il 32% aveva avuto un in precedenza un infarto miocardico, l’84% aveva una storia di ipertensione, molti erano obesi e l'età media era di 64 anni. Tuttavia, nessuno presentava insufficienza cardiaca al basale.

Lo studio è stato fatto perché alcuni dei farmaci usati per trattare l'iperglicemia sono risultati associati a aumento del rischio di insufficienza cardiaca e sia le agenzie regolatorie sia i medici e i pazienti vogliono ora essere certi della sicurezza cardiovascolare degli agenti utilizzati. Fino allo studio ORIGIN-ECHO, tuttavia, gli effetti dell’insulina esogena sulla massa e funzione ventricolare sinistra non erano stati ben indagati.

I valori basali della massa e della funzione ventricolare sinistra erano nel range di normalità e non sono variati in modo significativo in 3 anni di follow-up in nessuno dei due bracci di trattamento. Ad esempio, il rapporto massa/altezza del ventricolo sinistro nel gruppo trattato con insulina glargine era in media di 116 g/m al basale ed è risultato di 115 g/m dopo 3 anni di trattamento, ed è risultato paragonabile -  rispettivamente 113 g/m al basale e 114 g/m dopo 3 anni - con la terapia standard. Questa è stata una scoperta inaspettata, ha detto la Haroun.

"Pensavamo che pazienti diabetici sottoposti alla terapia standard in 3 anni avrebbero sviluppato un’ipertrofia ventricolare sinistra, cosa che non è accaduta e ci ha un po’ sorpreso. Inoltre, ci aspettavamo di trovare un’incidenza inferiore di ipertrofia ventricolare sinistra pazienti nei pazienti trattati con insulina glargine. Questa popolazione di pazienti era in una fase iniziale del diabete e pensiamo che i nostri risultati suggeriscano come, in questa popolazione, con una gestione adeguata dei fattori di rischio cardiovascolare, in particolare dell'ipertensione, e con l’uso di farmaci cardioprotettivi si possa prevenire o ritardare la comparsa di anomalie della struttura e della funzione ventricolare sinistra" ha concluso la Haroun.

 

 

da PHARMASTAR