Home » Diabete tipo 2 » Terapia e cura » Liraglutide: effetti avversi gastrointestinali legati all'età e al non utilizzo di metformina
 
Liraglutide: effetti avversi gastrointestinali legati all'età e al non utilizzo di metformina PDF Stampa E-mail
Lunedì 01 Giugno 2015 08:32

Nei pazienti con diabete di tipo 2, tra i  fattori collegati alla comparsa di effetti collaterali gastrointestinali che hanno portato a sospendere l’assunzione dell’agonista del GLP-1 liraglutide ci sono l'età del paziente e la non assunzione in contemporanea di metformina.
A suggerirlo sono risultati di uno studio osservazionale pubblicato di recente sulla rivista Diabetes Research and Clinical Practice. Gli effetti collaterali gastrointestinali comprendono comunemente nausea, vomito e diarrea e rappresentano uno degli svantaggi della classe degli agonisti del GLP-1. "Oltre alla metformina, sono attualmente disponibili diverse opzioni per il trattamento del diabete di tipo 2, tra cui sulfoniluree, tiazolidinedioni, insulina, agonisti del GLP-1, inibitori della DPP 4 e inibitori del cotrasportatore del sodio-glucosio di tipo 2" scrivono gli autori, coordinati da K.Y. Thong della University of Western Australia di Perth.  
"La conoscenza dei potenziali fattori di rischio di eventi avversi gastrointestinali può aiutare i medici a decidere se scegliere o meno gli agonisti GLP-1 quando occorre procedere a un’escalation del trattamento" aggiungono i ricercatori. 
Tuttavia, osservano Thong e i colleghi, i fattori di rischio di tali eventi avversi non sono conosciuti. Il team ha quindi provato ad analizzare le caratteristiche dei pazienti associate agli eventi avversi gastrointestinali nei pazienti trattati con il GLP-1 agonista liraglutide inseriti in un database inglese. Utilizzando i dati dell’Association of British Clinical Diabetologists nationwide liraglutide audit database, hanno assegnato 4422 pazienti a tre diversi gruppi: uno costituito dai pazienti che avevano utilizzato liraglutide, ma senza manifestare eventi avversi gastrointestinali (87,9%), uno dai pazienti che avevano utilizzato liraglutide e avevano manifestato eventi avversi gastrointestinali, ma avevano continuato a prendere liraglutide (6,7% ) e un terzo formato da pazienti che avevano utilizzato liraglutide, avevano manifestato eventi avversi gastrointestinali e avevano perciò sospeso il farmaco (5,4%). 
L'analisi univariata ha evidenziato diversi fattori associati alla comparsa di eventi avversi gastrointestinali, tra cui l'età avanzata, un peso ridotto, una funzionalità renale più scadente, l'uso di insulina e il mancato uso di metformina (P < 0,05 per tutti). Tuttavia, in base ai risultati della analisi di regressione finale, solo un aumento approssimativo dell’’età di 10 anni (OR aggiustato 1,15; IC al 95% 1,05-1,27) e la non assunzione di metformina sono risultati associati agli eventi indesiderati gastrointestinali (OR 0,76; IC al 95% 0,060-0,96). 
Nella discussione, i ricercatori dicono di essere rimasti sorpresi dall’aver trovato un’associazione tra mancata assunzione di metformina e un aumento degli eventi avversi gastrointestinali. "Nella pratica clinica, la metformina è ampiamente riconosciuta come trattamento di prima linea per il diabete di tipo 2; i pazienti del database che non prendevano metformina erano forse quelli che avevano manifestato effetti collaterali con la metformina in precedenza" e avevano quindi smesso di prenderla, ipotizzano Thong e i colleghi. Tuttavia, aggiungono, quest’informazione non era disponibile nel database e ciò rappresenta, quindi, una limitazione del loro studio.  In ogni caso, osservano, “un'ipotesi plausibile è che i pazienti intolleranti alla metformina lo siano anche agli agonisti del GLP-1".

K.Y. Thong, et al. The influence of age and metformin treatment status on reported gastrointestinal side effects with liraglutide treatment in type 2 diabetes. Diabetes Res Clin Pract. 2015; doi: http://dx.doi.org/10.1016/j.diabres.2015.04.009.

 

leggi

 

da PHARMASTAR