Home » Diabete tipo 2 » Terapia e cura » Riduzione dell'obesità, conferme per liraglutide. Studio sul NEJM
 
Riduzione dell'obesità, conferme per liraglutide. Studio sul NEJM PDF Stampa E-mail
Giovedì 02 Luglio 2015 08:03

Arrivano dal NEJM le conferme di efficacia e sicurezza per l’antidiabetico liraglutide utilizzato a dosi più elevate (3 mg.) per la terapia dell’obesità. 

Sono stati infatti pubblicati sulla prestigiosa rivista americana i dati a un anno dello studio SCALE (Satiety and Clinical Adiposity—Liraglutide) mentre dati non ancora pubblicati suggeriscono che questa efficacia si mantiene a tre anni cosi come la capacità di prevenire l’insorgenza del diabete di tipo 2.

In un editoriale di accompagnamento, si legge che lo studio SCALE dovrebbe dare maggiore fiducia ai medici che decidono di adottare questo approccio terapeutico per la cura dell’obesità, anche se in Usa l’alto costo del farmaco a la sua non rimborsabilità ne rendono difficoltoso un approccio su larga scala.

I risultati di SCALE, un trial a 56 settimane, sono stati pubblicati online 1 luglio 2015 sul New England Journal of Medicine a firma d Xavier Pi-Sunyer, MD, professore di medicina alla Columbia University College dei Medici Chirurghi e direttore del New York Obesity Research Center.

La liraglutide è un analogo del peptide-1 simil-glucagone (GLP-1) umano prodotto con tecnologia del DNA ricombinante da Saccharomyces cerevisiae. Il GLP-1 è un ormone endogeno incretinico che potenzia la secrezione di insulina glucosio-dipendente dalle cellule beta del pancreas. Viene somministrato tramite iniezione sottocutanea una volta al giorno.

Nello studio SCALE, i cui dati erano già stati anticipati nel 2014 al congresso americano di diabetologia, , combinato con la dieta e l'esercizio fisico, liraglutide è stato associato a una significativa riduzione del peso corporeo (- 5,6 kg) e a un miglioramento cardiometabolico. Rispetto al placebo, a 56 settimane due terzi dei pazienti trattati con liraglutide hanno perso almeno il 5% del loro peso corporeo, rispetto a poco più di un quarto di quelli trattati con placebo.

Sulla base di tali dati, nel dicembre del 2014 l’ Fda ha approvato liraglutide per l’utilizzo come anti obesità alla dose di 3,0 mg / giorno - in contrasto con la dose di 1,8 mg utilizzata per la cura del diabete di tipo 2. Nel gennaio 2015, anche l'Agenzia europea per i medicinali ha dato il via libera per questa indicazione.

Lo studio SCALE è stato condotto tra il giugno 2011 e il marzo 2013 in 191 siti di 27 paesi in Europa, Nord America, Sud America, Asia, Africa e Australia. I soggetti sono stati 18 anni di età o più anziani e avevano BMI di 30 kg / m2 e più oro 27 kg / m2 o più d'oro non trattati con dislipidemia o ipertensione. Nessuno dei pazienti presentava diabete al basale.

Nello studio, i partecipanti sono stati trattati in rapporto 2:1 con liraglutide 3 mg una volta al giorno (2487 pazienti) o placebo (1244 pazienti) e durante il trattamento è stato loro chiesto di seguire una dieta e completare un programma di esercizio fisico di 150 minuti a settimana. La qualità della vita correlata alla salute è stata misurata al basale, dopo 6 mesi e dopo un anno di trattamento con i questionari IWQOL-Lite e SF-36.

Dopo 56 settimane, il gruppo in liraglutide ha perso una media di 8,0 kg rispetto ai 2,8 kg con il placebo. La proporzione di coloro che hanno perso almeno il 5% del loro peso corporeo è stata del 63%, contro il 27% nel gruppo placebo, mentre il 33% contro il 11% ha perso oltre il 10%. Nel complesso, il 92% dei soggetti in liraglutide  ha perso peso rispetto al 65% del gruppo placebo.

Il gruppo liraglutide ha anche avuto maggiori riduzioni di HbA1c, glucosio plasmatico, sistolica e diastolica, e un miglioramento in tutte le misure a digiuno dei lipidi insieme ai parametri metabolici. Anche i punteggi di scale per la salute fisica e mentale sono risultati più elevati nel gruppo in liraglutide.

"L'uso di liraglutide 3 mg, in aggiunta alla dieta e all'esercizio fisico, è risultato associato a miglioramenti clinicamente significativi nei domini fisici della qualità di vita correlata alla salute rispetto al placebo" hanno scritto i ricercatori.

Le analisi dello studio SCALE hanno, inoltre, dimostrato, che gli eventi avversi gastrointestinali associati al farmaco, tra cui nausea e vomito, non hanno influenzato la perdita di peso. Inoltre, si è visto che nei pazienti obesi o sovrappeso con comorbilità legate al peso, una risposta precoce al farmaco è predittiva di una perdita di peso maggiore.

Secondo quanto ha affermato il dottor Siraj,i  dati del trial  sono a sostegno dell'uso di liraglutide in persone obese pubblicato (indice di massa corporea [BMI] superiore a 30 kg / m2) o in sovrappeso (BMI 27-30 kg / m2) e che presentano altre comorbidità (diabete, ipertensione, dislipidemia. (lo studio non ha incluso le persone con diabete al basale, anche se l'approvazione della Fda consente questo utilizzo del.

L’autore ha aggiunto: "Gli studi hanno-hanno dimostrato che anche una perdita di peso inferiore al 5% porta ad un miglioramento delle complicanze correlate all'obesità .... Non è enorme dal punto di vista estetico. La persona potrebbe anche non avere un aspetto diverso, ma questa riduzione può fare la differenza in termini di parametri metabolici e complicazioni. "

Tuttavia, nell'editoriale lui e il dottor Williams affermano che "Liraglutide non rappresenta una cura. La maggior parte dei pazienti obesi sono rimasti obesi, l'inversione della sindrome metabolica non è stata quantificata e liraglutide potrebbe essere a tempo indeterminato, come le statine, ma con una somministrazione per via parenterale e un costo non banale. "

In Usa il costo per liraglutide - 1.068 dollari per una terapia di 1 mese - è in linea con il prezzo del farmaco per-mg formulato per il diabete. Per ora il prodotto non viene rimborsato dalle assicurazioni americane, pubbliche o private.
Sicurezza del farmaco 

Le analisi di sicurezza hanno incluso 2481 soggetti in liraglutide e 1242 in placebo. Gli eventi gastrointestinali erano più comuni con liraglutide rispetto al placebo, tra cui nausea ( 40% vs 15%), diarrea ( 21% vs 9%), e vomito (16% vs 4%). Erano più lieve a moderata e verificato dans Principalmente le prime 4-8 settimane di trattamento, il dottor Pi-Sunyer e colleghi rapporto.

Gli eventi avversi alla cistifellea erano più comuni nel gruppo liraglutide, 2,5% vs 1,0% con placebo. Questo risultato è coerente con la nota relazione tra la perdita di peso e i calcoli biliari, affermano gli autori nel commento al trial.
Si è osservato anche un leggero aumento numerico dei casi di pancreatite, ma non significativo  (0,4% vs 0,1% con placebo, 10 pazienti vs 1). Nove di questi casi sono stati lievi, e in cinque pazienti in liraglutide la pancreatite era legato ai calcoli biliari. 

Uno squilibrio numerico è stato visto in termini di incidenza di neoplasie maligne della mammella e di lesioni precancerose: 10 in 9 donne nel gruppo liraglutide rispetto al placebo 3 in 3 soggetti di sesso femminile. Forse gli autori suggeriscono che tesi erano donne di essere bianco controllato per il cancro da più attenzione i loro fornitori di assistenza primaria, dato che stavano perdendo peso.

A questo proposito, Siraj ha dichiarato che “Questi numeri sono semplicemente troppo piccoli per trarre qualsiasi conclusione. Saranno necessari osservazioni a lungo termine per affrontare questo aspetto”.
Dati a tre anni (non ancora pubblicati)

Lo scorso mese di maggio, Novo Nordisk ha reso noti i risultati dell’estensione a 3 anni dello studio SCALE. Con circa la metà della coorte SCALE originale ha completato le 160 settimane di studio long term. Quelli del gruppo liraglutide hanno mantenuto una perdita media di peso corporeo del 6,1% rispetto al basale, rispetto al 1,8% per il placebo, una differenza significativa (P <.0001.

Il rischio di sviluppare diabete di tipo 2 è stato ridotto del 80% circa con liraglutide (P <.0001), e il tempo di insorgenza per coloro che lo hanno sviluppato è risultato 2,6 volte più elevato.

Alla richiesta di commentare la fase di estensione, il dottor Siraj ha dichiarato, "I risultati non sono ancora pubblicati su riviste peer-reviewed, perciò, devono stare attenti a interpretare il limitato numero di dati rilasciati dalla società produttrice del farmaco. I dati disponibili mostrano che i pazienti continuano a beneficiare degli effetti del farmaco fino a 3 anni  di trattamento con liraglutide, anche se la perdita di peso è risultata leggermente inferiore rispetto al dato a 1 anno”.

Xavier Pi-Sunyer, Arne Astrup, Ken Fujioka et al.A Randomized, Controlled Trial of 3.0 mg of Liraglutide in Weight Management N Engl J Med 2015; 373:11-22July 2, 2015DOI: 10.1056/NEJMoa1411892
leggi

 

 

da PHARMASTAR