Home » Diabete tipo 2 » Terapia e cura » Il bisturi curerà il tipo 2, studio italiano apre speranze
 
Il bisturi curerà il tipo 2, studio italiano apre speranze PDF Stampa E-mail
Venerdì 12 Ottobre 2007 10:36

La chirurgia dell'obesità potrebbe suggerire una soluzione definitiva contro il diabete insulino-resistente, meglio noto come diabete di tipo 2 o adulto. In Italia ne soffrono 2,4 milioni di persone, numero destinato peraltro ad aumentare come il 'girovita nazionale', con gli obesi che rappresentano il 10% della popolazione, ovvero 6 milioni di persone, mentre sono circa 16 milioni le persone in soprappeso (34,7%). Ma una soluzione anche per quei diabetici che obesi non sono potrebbe arrivare dalla chirugia: un colpo di bisturi potrebbe infatti cancellare la loro malattia cronica e tutti i sintomi della sindrome metabolica, dal colesterolo alto all'ipertensione.

A dirlo, in occasione della presentazione, oggi a Roma, del 109esimo congresso della Società italiana di chirurgia (a Verona dal 14 al 17 Ottobre) è Nicola Scopinaro, professore ordinario di chirurgia generale all'Università di Genova, che ha in corso uno studio pilota su 20 pazienti diabetici ma non obesi, che si sono sottoposti all'intervento di diversione biliopancreatica non per perdere peso ma unicamente per curare il diabete. E i dati raccolti finora lasciano ben sperare. "È un dato assodato dalla comunità scientifica mondiale - spiega Scopinaro - che la chirurgia dell'obesità può portare, oltre che alla perdita di peso, anche alla scomparsa del diabete. Ma la possibilità di estendere l'operazione anche a tutti i pazienti diabetici non gravemente obesi, che di fatto rappresentano la grande maggioranza, è al momento ancora in fase di studio. Se i risultati delle nostre indagini saranno positivi come crediamo – assicura Scopinaro – e verranno confermati da uno studio multicentrico su molti pazienti italiani che confidiamo possa partire già dal prossimo anno, la soluzione chirurgica del diabete potrebbe interessare anche un malato su due”. Ciò significa che, "se tutto andrà come speriamo, si tratterà di una svolta epocale, sia nella storia del diabete, sia in quella della chirurgia”.

I risultati preliminari dello studio pilota in corso, intanto, appaiono estremamente promettenti. Dei 12 pazienti finora operati, infatti, nessuno fa più uso di farmaci né osserva alcuna dieta contro il diabete dal momento della dimissione; in 4 di loro i livelli di glicemia si sono normalizzati a un mese dall'intervento; in altri 4 al quarto mese, mentre gli altri pazienti non hanno ancora raggiunto il momento del primo controllo postoperatorio.

“Nella primavera dell'anno prossimo - fa sapere Scopinaro - spero di iniziare lo studio protocollare multicentrico italiano per validare i risultati dello studio pilota. Difficile dire quanti diabetici potrebbero necessitare della chirurgia piuttosto che delle cure farmacologiche tradizionali, di certo chi ha un diabete fuori controllo nonostante i farmaci è un buon candidato all'operazione. Almeno il 50% dei diabetici potrebbe avere l'indicazione chirurgica - stima Scopinaro - ma tutto dipende dall'età di insorgenza del diabete e dalla sua rapidità di evoluzione, che determina il tempo durante il quale la malattia è controllabile con la terapia medica. Di certo l'intervento offre garanzie assai maggiori rispetto ai farmaci - assicura l'esperto - infatti il paziente diabetico dopo molti anni può andare incontro a gravi complicazioni di vario tipo (soprattutto oculari, renali e cardiovascolari) anche se segue la terapia, mentre il trattamento chirurgico potrebbe cancellare questa eventualità".

"E non sarebbe l'unico vantaggio - continua Scopinaro - l'intervento infatti non risolve solo il problema del diabete, ma l'intera sindrome metabolica, quindi riporta il colesterolo a valori normali (sotto 200 mg/dl) e anche i trigliceridi nel 100% degli operati, e guarisce l'ipertensione nell'80% dei casi (risultati a 10 anni). Quanto al meccanismo d'azione dell'operazione, ovvero a come l'intervento curi il diabete, "molto resta da capire - ammette l'esperto - ma di certo diversi fattori influiscono: prima di tutto la rimozione del grasso intracellulare, che determina la ridotta sensibilità all'insulina, poi molteplici fattori ormonali, primo fra essi il 'salto del duodeno', grazie al quale il cibo raggiunge l'ileo, cioè la parte terminale dell'intestino, dove altrimenti non arriverebbe. In tal modo viene stimolata la produzione di ormoni intestinali che favoriscono l'azione dell'insulina sia a livello del pancreas, dove essa viene prodotta, sia a livello delle cellule periferiche, dove essa agisce".

 


(Adnkronos Salute)

12 ottobre 2007

 

Pubblichiamo di seguito anche una nota diffusa dal Prof. Riccardo Vigneri, presidente Diabete Italia e per la Societa' italiana di diabetologia e l'Associazione medici diabetologi:

"Il bisturi non elimina l'insulina".


  A sostenerlo e' il professor Riccardo Vigneri, presidente Diabete Italia e per la Societa' italiana di diabetologia e l'Associazione medici diabetologi, in un nota, dopo la diffusione di notizie stampa secondo le quali con il "bisturi" si potrebbe eliminare l'insulina per diabetici.
  "La riduzione del peso e specie dell'obesita' addominale - continua Vigneri nel comunicato -, comunque ottenuta, migliora e a volte fa scomparire il diabete dovuto alla grave obesita'.
  Il ruolo della chirurgia bariatrica nella cura dell'obesita' e quindi del diabete tipo 2, sua principale conseguenza metabolica, e' noto da anni e ben documentato in letteratura.
  Da questo a dire che il bisturi elimina l'insulina' ce ne corre".

  Secondo il professor Vigneri notizie come questa, "sparate con enfasi nei titoli dei giornali, sono fuorvianti e pericolose. Generano false speranze soprattutto in chi, colpito dalla malattia, viene illuso che la chirurgia abbia finalmente trovato la soluzione ai suoi problemi. Pensiamo, per esempio, ai genitori dei bambini costretti ogni anno a oltre 1.000 iniezioni di insulina e oltre 2.000 punture per misurare la glicemia: per loro purtroppo l'insulina e' un
presidio terapeutico che, ancora oggi, non puo' essere eliminato.
Ma pensiamo anche a tutti i soggetti di eta' medio-avanzata, anche in soprappeso, e con
un diabete che non risponde piu' alle 'pillole'.
Anche per loro l'insulina e' un farmaco indispensabile per evitare gravi complicanze".
  Vigneri, infine invita "colleghi medici e gli amici giornalisti" a "prestare maggiore attenzione al peso delle parole che usano quando danno notizie di medicina o di novita' scientifiche".

(AGI)

15 novembre