Home » Diabete tipo 2 » Terapia e cura » Ma il diabete non è malattia chirurgica
 
Ma il diabete non è malattia chirurgica PDF Stampa E-mail
Giovedì 03 Aprile 2008 11:03

Il recente articolo del dr. Francesco Rubino sull'utilizzo di tecniche di chirurgia bariatrica per curare il diabete è ricco di spunti scientifici, ma distante dall'attuale pratica clinica.

Molte le richieste di delucidazioni da parte di pazienti ai propri diabetologi.
Al fine di porre chiarezza, Diabete Italia segnala:
- gli interventi chirurgici (bendaggio/ by-pass gastrico, diversione bilio-pancreatica) sono tanto efficaci quanto invasivi per ridurre le dimensioni dello stomaco o indurre malassorbimento in soggetti con grave obesità.
Tali metodiche sono accompagnate da una serie di complicanze a breve termine (con una mortalità che varia dallo 0,1% al 1,5%) e a lungo termine (deficit vitaminici, anemia, malnutrizione proteica, disidratazione, osteoporosi), che richiedono una medicalizzazione e interventi dietetici mirati per tutta la vita.
A fronte di tali "costi" i benefici in termini di calo ponderale sono indubbi, mentre quelli relativi a una riduzione della mortalità (infarto e cancro) divengono significativi soltanto a distanza di circa 10 anni.
Questi dati emergono dai pochissimi studi controllati.
Alcuni ricercatori ipotizzano che gli effetti positivi sul diabete dipendano dalle modificazioni anatomo-funzionali, (con miglioramenti della funzione delle cellule pancreatiche che producono insulina) indotte dall'intervento stesso e non dalla perdita di peso.
Si tratta di ipotesi che devono essere ancora verificate; poi si stabiliranno eventuali vantaggi clinici.
Modificazioni dello stile di vita e appropriato uso di farmaci rimangono i cardini della terapia nel diabete tipo 2.

Il diabete non può oggi essere considerato una malattia chirurgica e il ricorso a tecniche di chirurgia bariatrica in pazienti diabetici in sovrappeso o con rado iniziale di obesità non è indicato al di fuori di protocolli sperimentali.

 

di Andre Giaccari, Alberto De Micheli, Paolo Sbraccia, Diabete Italia

da Repubblica.it, Supplemento Salute

3 aprile 2008