Home » Primo piano » Ritiro di 3 lotti di GlucaGen® HypoKit in Italia
 
Ritiro di 3 lotti di GlucaGen® HypoKit in Italia PDF Stampa E-mail
Martedì 06 Settembre 2016 20:42

Su indicazione dell’azienda produttrice, la Novo Nordisk A/S, anche in Italia sono state ritirate confezioni di GlucaGen® HypoKit, farmaco indicato per il trattamento di ipoglicemia grave(basso livello di zucchero nel sangue) per pazienti insulino-trattati affetti da diabete. La ditta farmaceutica ha riscontrato che una bassa percentuale di aghi, all’interno di alcuni lotti, sono risultati distaccati dalla siringa contenuta nella confezione di GlucaGen® HypoKit.

GlucaGen® Hypokit è usato per il trattamento di episodi di ipoglicemia grave (basso livello di zucchero nel sangue) in pazienti diabetici in caso di perdita di coscienza e di incapacità di assunzione di una fonte di zucchero. E’ pertanto, importante avere a portata di mano confezioni correttamente funzionanti, da usare efficacemente.

Secondo quanto comunica l’Agenzia italiana del farmaco Aifa, nel nostro Paese i lotti interessati dal ritiro dal mercato sono: Lotto FS6X166 con scadenza 31/05/2018, lotto FS6X593 con scadenza 31/08/2018 e lotto FS6Y025 con scadenza 31/10/2018.


Il paziente o chi si cura di lui, può leggere numeri e date nei punti della confezione indicati da questa fotografia.

 

 

 

Nel caso si sia in possesso di confezioni di GlucaGen® HypoKit appartenenti ad uno dei lotti sopra elencati, va restituito il prodotto alla farmacia ricevendo una confezione di GlucaGen® HypoKit in sostituzione. Se si manifesta un qualsiasi effetto indesiderato, è necessario rivolgersi al medico o al farmacista. Gli effetti indesiderati possono, inoltre, essere segnalati direttamente tramite il sistema nazionale di segnalazione all’indirizzo www.agenziafarmaco.gov.it/it/responsabili”.

Se si è in possesso di una confezione di GlucaGen® HypoKit con numero di lotto NON riferibile a quelli sopra segnalati,  si può utilizzare il prodotto regolarmente.

QUESTA E’ LA COMUNICAZIONE di allerta diramata dall’Aifa.

 

da Salute Okay