Home » Primo piano » Glicemia. Per farla risalire rapidamente, l’ideale è una zolletta di zucchero
 
Glicemia. Per farla risalire rapidamente, l’ideale è una zolletta di zucchero PDF Stampa E-mail
Venerdì 18 Novembre 2016 04:50

(Reuters Health) – Quando si verifica un episodio di ipoglicemia, la cosa migliore da fare è prendere una zolletta di zucchero piuttosto che una bevanda zuccherata o un dolcetto. Ricercatori americani hanno confrontato i dati provenienti da quattro report, tra cui tre studi randomizzati di letteratura scientifica, che confrontano gli effetti dei carboidrati contenuti negli alimenti e le zollette di zucchero nel migliorare i sintomi dell’ipoglicemia. I soggetti analizzati erano diabetici di tipo 1 e di tipo 2. I risultati dello studio sono stati riportati su Emergency Medicine Journal.

Complessivamente, i ricercatori hanno trattato 515 episodi di ipoglicemia con dieta a base di zuccheri e 232 con compresse di glucosio. Sono stati utilizzati diversi tipi di zucchero alimentare: caramelle, barrette, succhi d’arancia, caramelle alla menta, gelatine, amido di mais, latte e glucosio in sciroppo. In generale, le singole sostanze erano efficaci quanto le zollette di zucchero nel far risalire la glicemia. Tuttavia alla fine, quando tutti i dati dei quattro report sono stati combinati, né gli zuccheri alimentari, né le zollette di zucchero sono riusciti a far risalire alla normalità i valori di glucosio nel sangue in modo affidabile entro i 10-15 minuti. “A prescindere da quale metodo orale si usa per trattare l’ipoglicemia, è necessario del tempo per l’assorbimento, prima che i valori glicemici tornino normali e i sintomi del paziente migliorino – hanno scritto i ricercatori – Tuttavia, le persone che hanno utilizzato zollette di zucchero sembravano sentirsi meglio più velocemente, mentre coloro che hanno preso alimenti zuccherati hanno fatto registrare una diminuzione dell’11% di probabilità di sentirsi meglio entro un quarto d’ora”.


Fonte: Emergency Medicine Journal

Linda Thrasybule

(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

 

da quotidianosanità.it

 

E ... ricordiamoci la regola del 15!