Home » Ricerca » Accordo da $230 mln tra Nih e 10 big parma su Alzheimer, diabete artrite e lupus
 
Accordo da $230 mln tra Nih e 10 big parma su Alzheimer, diabete artrite e lupus PDF Stampa E-mail
Martedì 04 Febbraio 2014 11:03

Il National Institutes of Health ha annunciato una partnership con 10 case farmaceutiche  così come diverse organizzazioni non-profit , per accelerare la scoperta di nuove terapie per la malattia di Alzheimer, il diabete di tipo 2, l'artrite reumatoide e il lupus. Le dieci aziende coinvolte nel progetto sono le seguenti: AbbVie, Biogen Idec, Bristol-Myers Squibb, GlaxoSmithKline, Johnson & Johnson, Lilly, Merck, Pfizer, Sanofi e Takeda.

Il direttore dell’NIH Francis Collins ha osservato " Attualmente , stiamo investendo una grande quantità di tempo e denaro in strade con elevate percentuali di insuccesso ", aggiungendo " tutti i settori dell'impresa biomedica concordano sul fatto che i nuovi approcci sono assolutamente necessari. "

L'accordo costerà ai vari attori 230 milioni di dollari, equamente suddivisi tra Nih e aziennde, e prevede lo scambio di scienziati, dati, campioni di tessuti e di sangue per l'individuazione di nuovi obiettivi per farmaci contro le quattro malattie. Il progetto quinquennale, chiamato Accelerating Medicines Partnership, prevede che nessuno possa usare i risultati per le proprie ricerche finchè non saranno stati pubblicati e messi a disposizione di tutti. ''Nel momento in cui i risultati saranno noti - spiega al Wsj David Wholley dell'Nih - la gara tra le compagnie potrà ricominciare per sviluppare il farmaco vincente, com'è nel migliore interesse dei pazienti''.

Elias Zerhouni, direttore R & D di Sanofi ha osservato che decifrare le malattie "non può essere fatto da ogni singola organizzazione. Anche il NIH , con tutta la sua forza , non hanno tutte le soluzioni all'interno di esso . E nessuna azienda può farlo da sola. "

Il programma mira ad acquisire una migliore comprensione di come funziona ogni malattia, e quindi utilizzare tale conoscenza per identificare i biomarcatori e trovare bersagli per lo sviluppo di farmaci. I partner potranno anche cercare di creare metodi per misurare meglio come una malattia sta progredendo e risponde al trattamento. Il gruppo condividerò tutti i risultati con il pubblico, impedendo nel contempo ai partecipanti di utilizzare qualsiasi scoperta per la propria ricerca di farmaci fino a quando il progetto renderà pubblici i dati . 

"Nel momento in cui i risultati del progetto sono disponibili alla comunità scientifica, la concorrenza a tutto campo riprenderà a sviluppare il farmaco vincente ", ha sottolineato David Wholley , direttore delle partnership di ricerca della Fondazione per l' NIH .

L’Nih ha osservato che lo sviluppo di un farmaco dalla scoperta precoce attraverso l'approvazione della Fda attualmente richiede oltre un decennio e ha un tasso di fallimento di oltre il 95 per cento , con ogni successo che costa più di $ 1 miliardo. 

"Stiamo cercando di aumentare le probabilità di scegliere i bersagli giusti per andare dopo per la prossima generazione di sviluppo di un farmaco", ha detto Collins , aggiungendo che " crediamo che questa partnership sia un primo passo importante e rappresenta lo sforzo più radicale fatto fino ad oggi per affrontare questo problema vitale.

" Lon Cardon , senior vice president of alternative discovery and development di GlaxoSmithKline , ha osservato che la casa farmaceutica " circa quattro anni fa è in gran parte uscita dalla ricerca sulle malattia mentali, ivi compresa la malattia Alzheimer , ma non perché non fossimo interessati in esse , ma perché abbiamo pensato che fosse troppo difficile da soli . Ora siamo interessati all’ Alzheimer perché possiamo unire le forze. "

Alcune aziende hanno rifiutato di unirsi alla collaborazione, tra cui Amgen, che ha osservato che il progetto si sovrappone con i propri sforzi per utilizzare genetica umana nella scoperta di nuovi farmaci . Roche non ha partecipato perché il programma sulla schizofrenia ha perso di importanza per la società svizzera. Tuttavia, un portavoce della Roche ha detto che la società è " molto aperta " per entrare nel futuro . Anche AstraZeneca ha rifiutato di aderire, ma un portavoce dice che " continuerà a vedere come [ il progetto ] si svilupperà. "

I National Institutes of Health (Istituti Nazionali di Sanità, abbreviati in NIH) sono un'agenzia del Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani degli Stati Uniti.
Nati nel 1930, in seguito al Ransdell Act, sulle ceneri del precedente Laboratory of Hygiene, fondato nel 1887, hanno inizialmente assunto la denominazione al singolare (National Institute of Health). Oggi gli Istituti sono uno dei centri più avanzati a livello mondiale ed il punto di riferimento negli Stati Uniti nella ricerca biomedica.

Gli NIH sono infatti la prima agenzia del governo degli Stati Uniti per quanto riguarda la ricerca biomedica. Gli NIH sono infatti responsabili di circa il 28% - circa 26.4 miliardi di dollari - dei fondi totali utilizzati annualmente negli Stati Uniti per la ricerca biomedica (la parte restante proviene quasi interamente dai privati).

 

 

da PHARMASTAR